«Il mio arresto mise fine alle azioni criminali che commettevo…» – Storia di Giovanni Migliore

Mi chiamo Giovanni e voglio raccontarvi la meravigliosa esperienza del miracolo di salvezza che Cristo Gesù ha fatto nella mia vita.

Provengo da un quartiere popolare della città di Napoli. Sono nato in una famiglia numerosa con gravi problemi economici; non ho avuto un’infanzia felice e fin da ragazzo ho iniziato a vivere per strada intraprendendo la via della delinquenza. Cosa, questa, molto comune tra i ragazzi del mio quartiere che, come me, avevano una famiglia molto povera e disagiata, e che, regolarmente, non terminavano neanche la scuola dell’obbligo.

Il mio unico desiderio era quello di fare tanti soldi, pensando così di poter evadere da un contesto di degrado che mi arrecava tanta sofferenza.

Vivevo come un piccolo delinquente mirando a diventare come mio fratello maggiore, che si era già fatto un “nome” nel quartiere e che era già stato tante volte in carcere. Avevo molti amici, con i quali fin dall’età dell’adolescenza fumavo spinelli; il passo verso l’eroina fu breve. Continua a leggere

«Dio stava cercando proprio me»- Storia di Katia Rudian

banner_home

Eccoci di nuovo con voi per raccontarvi e farvi sentire un’altra delle toccanti storie vere di Dueperuno, la trasmissione che va in onda il venerdì alle 11 su  crc. Oggi ascoltiamo la storia di Katia Rudian!

Marzia_Katia_Sandra

Katia cresce in una famiglia molto unita e serena, cattolica praticante, che “dedica” la figlia a sant’Antonio da Padova, al quale Katia si rivolge come se fosse un angelo custode.

Questo dura fino all’età delle medie inferiori, quando la nostra ospite fa amicizia con una compagna di classe, che le parla di Gesù in un modo che lei non ha mai sentito. «Fino a quel momento per me Gesù era là, sulla croce – ci spiega -, ma ascoltando le parole della mia compagna ho sentito che Lui era qui, vicino a me». L’amica le parla anche della Bibbia, libro che Katia non ha mai toccato, e degli incontri che si tengono nella chiesa evangelica, da lei frequentata, il sabato pomeriggio.

Katia si incuriosisce molto, vorrebbe vedere cosa succede in questa chiesa diversa dalla sua e chiede ai suoi se può andare nella chiesa evangelica con la sua amica. La risposta è perentoria: «No!». Ubbidiente ai suoi genitori, la ragazzina non insiste. Continua a leggere

2° Meeting Dueperuno-evangelici.net – Storia di Dorina

banner_home

Direttamente da Torre Pellice, ecco la prima parte delle registrazioni fatte durante il secondo raduno a cui hanno partecipato conduttori e ospiti di Dueperuno e moderatori e utenti del forum evangelici.net.
 
La prima giornata, sabato 9 maggio, è stata dedicata al “Dueperuno live”, che ha visto protagoniste Dorina e Patrizia, che hanno condiviso con noi le loro toccanti testimonianze.

 Oggi potrete ascoltare la storia vera di Dorina, nata in Albania e vissuta in un ambiente in cui non c’era posto per Dio, ma Dori era pronto a fargli spazio nel suo cuore e nella sua vita: non perdetevi il suo racconto!

 crc

Scarica sul tuo pc la puntata dopo la diretta, clicca QUI!

«Anche i bravi ragazzi hanno bisogno di Dio» – Storia di Fausto Carauddo

banner_home

Oggi Dueperuno, che finalmente ha a disposizione il nuovo studio di registrazione, è lieta di presentarvi Fausto Carauddo! Ascolta la sua storia alle 11 direttamente su CRC

2009_04010338

A dispetto del suo aspetto, permettete il gioco di parole, Fausto da bambino era un a vera e propria peste e non stava mai fermo.

La sua spiccata vivacità lo aveva fatto finire diverse in situazioni rischiose per la sua incolumità, come quando, a soli cinque anni, ha rischiato di cadere dalla finestra della casa in cui viveva.

Nasce in una famiglia cristiana, che ama il Signore con sincerità e quindi cresce rapportandosi con Dio, credendo in lui e in ciò che leggeva nella Bibbia.

Fausto si ritiene particolarmente benedetto e protetto da Dio, perché per la sua capacità di ficcarsi in situazioni pericolose ha sperimentato più volte come Dio impedisse che si facesse del male.

A quindici anni, mentre si trova con la sua famiglia in un frantoio,  Fausto tocca un macchinario posto sotto tensione e viene colpito da una forte scarica elettrica. Poco prima di svenire, il ragazzino rivolge il suo pensiero a Dio, chiedendogli di salvarlo. Al risveglio il giovane piange di gioia per non aver subito brutte conseguenze.

Qualche anno più tardi, quando ha ventiquattro anni, subisce un brutto incidente stradale sull’autostrada per Genova, di cui sono testimoni diverse persone: all’uscita di una galleria, a causa della forte pioggia, l’auto sbanda e comincia a girare su se stessa diverse volte, per poi finire a lato della carreggiata, senza coinvolgere le altre auto. Tutti i presenti rimangono stupiti e lo è anche Fausto, che esce incolume dall’incidente.

Nei secondi in cui la sua macchina gira, è certo di morire e chiede a Dio di accoglierlo con sé. Nel suo cuore Fausto è certo di sapere dove andrà dopo essere morto.

Sono due le cose che ci hanno colpito della storia di Fausto: il fatto di essere tirato fuori più di una volta da situazioni di pericolo senza subire conseguenze, e il suo essere proprio un bravo ragazzo: un figlio come ogni genitore vorrebbe.

Spesso i nostri ospiti ci raccontano che prima di accettare Gesù nella loro vita non credevano di avere bisogno del perdono di Dio, perché erano brave persone, convinte che i peccatori fossero altri ma non loro.  Fausto, invece, pur cresciuto in una famiglia di credenti, è consapevole che questo non basta: sentiva che era necessario avere una relazione diretta con Dio e che essere bravo non era di certo una garanzia.

Questa consapevolezza, il bisogno di accettare Cristo come salvatore, ha permesso a Fausto di vivere la sua vita con una gioia speciale e di godere delle piene benedizioni di Dio, che gradisce particolarmente chi si affida a Lui.

Ed è proprio questo l’invito che Fausto rivolge ai nostri radioascoltatori e ai nostri lettori: «Accettate il Signore nella vostra vita! È un aiuto quotidiano, non solo fisico, ma anche interiore, per affrontare la vita e le sue difficoltà». Sì, perché le difficoltà e i momenti duri li vivono anche i Cristiani, ma non li affrontano mai da soli! C’è Dio sempre al nostro fianco e questa sì che è una garanzia!

Se stai vivendo un momento difficile e non sai come fare, se ti senti solo o sola a combattere contro le difficoltà, vogliamo dirti che anche tu puoi trovare aiuto in Dio, proprio come l’abbiamo trovato noi! Non ci credi? Provalo! Tanto provare non ti costa nulla… è gratis! 😀

2009_04010334

Fausto alle prese con un trombone nella prova di attendibilità… Riuscirà a farlo suonare?

Scarica sul tuo pc la puntata dopo la diretta, clicca QUI!

«La fede non si eredita» – Storia di Gaetano Lobello

banner_home

Radioamici e radioamiche, oggi vi raccontiamo la storia di Gaetano! Ascoltala quando vuoi grazie al podcast di CRC

povero_gaetano

L’ospite di oggi è un giovane di 21 anni… eh sì, spesso i giovani si interessano a Dio: non è mica solo roba da “vecchi”, come potrebbe pensare qualcuno 🙂

Quando Gaetano ha tre anni i suoi genitori accettano Cristo nella loro vita; crescendo, il nostro amico, segue volentieri gli insegnamenti biblici di suo padre e sua madre. Per lui Gesù è una persona reale, con il quale parlare, al quale rivolgersi ogni giorno.

Durante il periodo della scuola dell’obbligo sono evidenti alcune differenze con i compagni di classe, con i quali spesso nascono dei bei confronti su alcuni temi legati alla Bibbia.

Da adolescente la “diversità” di Gaetano gli attira anche qualche antipatia; a volte il ragazzo sente di subire un po’ le scelte fatte dai suoi genitori, ma per lui è importante continuare a rispettare i genitori, sottomettendosi alla loro autorità, fintanto che non si è maggiorenni.  Compiuti diciotto anni avrebbe pensato alla scelta da fare, nel frattempo continua a frequentare gli amici della chiesa e a crescere in un  ambiente decisamente sano.

Quando Gaetano compie quindici anni, muore un caro zio, anche egli credente.  In questa occasione alcune persone vicine alla sua famiglia  si avvicinano al Signore e sono, ovviamente, curiose di capire e conoscere sempre di più.

Il ragazzo  conosce molte cose a proposito della Bibbia, da tempo frequenta la comunità evangelica, in casa si parla spesso dei temi biblici e i suoi genitori vivono una reale esperienza con Cristo; un giorno quegli amici da poco diventati credenti, pongono una domanda su un certo versetto e Gaetano si rende conto che sapere tante cose, essere figlio di credenti non vuol dire essere davvero nella giusta relazione con Dio e capisce di aver bisogno di fare quella giusta esperienza che porta a diventare veri figli di Dio: la fede non si eredita!

Gaetano decide di passare dalla teoria alla pratica e piano piano realizza la vera presenza di Dio nella sua vita: non più un credere perché credono i suoi genitori, non più vivere una fede fanciullesca, ma toccare con mano cosa Dio fa nella vita di una persona che accetta di avere una relazione con lui  aprendo la porta del suo cuore…

E a chi gli dice “Ma hai solo ventuno anni, esci da quella chiesa e goditi la vita!”, Gaetano gli risponde “Io me la sto già godendo e sono felice davvero e l’amore e la pace che ho nel cuore non le cambio con nulla. E tu, sei felice?“.

Credere in Dio, decidere di permettergli di entrare nella propria vita e stravolgerla con il suo amore è un’esperienza fondamentale, che ti consigliamo di fare, perché Dio davvero cambia la vita! Non ci credi? Provalo!

Scarica sul tuo pc la puntata dopo la diretta, clicca QUI!

HOME

«Sono troppo giovane per pensare a Dio, meglio il calcio!» – Storia di Calogero Gravano

banner_home

Oggi raccontiamo la storia di Calogero! Ascoltala su CRC alle 11.

calogero_luca_sandra

Dopo aver superato la prova di idoneità, il provetto cuoco-drammatico nonché ottimo ricettaro-giornalista Calogero ci racconta la sua storia…

La famiglia di Calogero, dopo aver chiuso una pizzeria, si trasferisce dalla Sicilia a Torino per trovare lavoro e cercare di risolvere seri problemi economici; Calogero è solo un bambino, ma spesso vede i suoi genitori tristi a causa delle difficoltà in cui si trovano.

Qualche tempo dopo l’arrivo nel capoluogo piemontese i suoi vivono un’esperienza speciale con Dio: la loro vita cambia e nonostante abbiano ancora diverse difficoltà le affrontano con uno spirito diverso.

A quel tempo Calogero ha 5 anni e anche se non percepisce granché del cambiamento avvenuto in sua madre e suo padre, sente che sono più contenti, sereni.

Il nostro ospite ci racconta che durante l’infanzia e l’adolescenza andava nella chiesa evangelica con i suoi; gli piaceva ascoltare, ma non sentiva dentro di lui la stessa gioia che provavano i genitori. Ha continuato a frequentare la chiesa fino a 19 anni, ma senza esserne troppo coinvolto, perché crede di essere troppo giovane per pensare a Dio e a quello che lo riguarda.

Il vero interesse di Calogero è un altro: il calcio. La sua è una vera e propria passione, che lo porta a giocare in una squadra e qui iniziano i primi conflitti, perché i genitori vorrebbero che continuasse ad andare al culto della domenica con loro, mentre lui preferisce impegnarsi nelle partite. Quel lieve interesse che aveva per Dio piano piano si assopisce.

Nonostante si dedichi a ciò che più gli piace, Calogero un giorno comincia a sentirsi non proprio soddisfatto di quello che fa e percepisce un senso di vuoto, che nemmeno la sua passione per il calcio riesce a riempire. Prende a interrogarsi sul senso della sua vita e prova il desiderio di sentire quello che vivono i suoi genitori nella loro vita; decide anche di partecipare a un raduno evangelico per giovani.

Prima di partire si rivolge a Dio dicendogli, in senso di sfida, «Se veramente tu esisti fa che anche io possa sentirti così come ti sentono i miei, come ti sentono le persone che incontro in chiesa; voglio sperimentarti nella mia vita». Lanciata la sfida, parte per il raduno e la sera stessa del suo arrivo Calogero sente forte il richiamo di Dio, quasi gli stesse dicendo «Vedi che esisto?».

È bastato chiedere a Dio di mostrarsi per ottenere una risposta e, finalmente, capire cosa provano i suoi genitori e sentire le stesse sensazioni: quel senso di vuoto è sparito, il vuoto è colmato da Dio, così come asseriva lo scienziato Blaise Pascal.

La vita di Calogero cambia profondamente. «È molto difficile spiegare cosa si prova quando ci si relaziona con Dio, cosa scatta dentro, cosa succede… Ci si sente liberi!».

E dopo l’incontro con Gesù la vita è tutta rose è fiori? E no! Le difficoltà ci sono, anche a causa di quello che viene definito il “nemico della nostra anima”, il diavolo, che vuole far inciampare le persone, ferirle, tenerle lontane da Dio…

Però vivere con Dio a fianco è tutta un’altra cosa: non si è mai soli, non si è mai disperati!

Certo, non è facile spiegare cosa vuol dire vivere con Dio… In effetti non è facile nemmeno spiegare un’arancia e il suo sapore a chi non l’ha mai vista o assaggiata: si può descriverne l’aspetto, il profumo, la consistenza e il sapore, ma se non la si tocca e la si assaggia non si può capirlo davvero.

Con Dio è la stessa cosa: devi “assaggiarlo” per capire…

calogero_luca

Scarica sul tuo pc la puntata dopo la diretta, clicca QUI!

HOME

«Io, schiavo dell’eroina per 25 anni» – Storia di Pietro Sarni

banner_home

Cari radioascoltatori e internauti, questa è la storia di Pietro, tremenda nel suo svolgersi, strabiliante nel suo cambiamento…
Buon ascolto su CRC e buona lettura.

pietro_luca

Pietro era un ragazzino vivace, piuttosto disubbidiente e ribelle, sempre pronto a fare nuove esperienze.
Per lui la scuola è una sorta di prigione da cui evadere: amava stare per strada, combinarne di tutti colori e mettersi nei pasticci. ben presto si ritrova a frequentare amici molto poco raccomandabili.

Verso i 14 anni inizia a lavorare come macellaio e le cose si mettono piuttosto male: Pietro frequenta abitualmente persone molto poco raccomandabili più grandi di lui, ha qualche soldo in tasca e ben presto si ritrova in guai seri. Vista l’età il suo stipendio viene gestito dalla mamma, così il ragazzo comincia a rubare per pagarsi i divertimenti e i primi spinelli.

Il passaggio dallo spinello alle droghe pesanti è molto rapido per Pietro, che si ritrova a vivere una vita completamente centrata sull’eroina e sui mille modi per procurarsi le dosi quotidiane.

Il furto diventa il suo principale mezzo di sostentamento: ruba ogni cosa che gli capiti a tiro; la sua famiglia entra nel baratro insieme a lui, vittime innocenti di quel “mostro” che rovina l’esistenza di Pietro e delle persone che gli stanno vicino.
I suoi genitori non riescono ad arginare Pietro, tentano come possono, ma non ci riescono. La notte vanno a dormire con le loro cose sotto il materasso, per impedire che il giovane porti via il poco che resta.

Come ben sa chi ha vissuto quest’inferno personalmente o chi l’ha subito per via di un familiare tossicodipendente, lo stato di tossicodipendenza impedisce di capire il male che si fa a chi è vicino; anche per Pietro è così: non capisce e non vede il dolore che procura ai suoi genitori e a suo fratello, perché è troppo occupato a procurarsi, con tutti i mezzi, i 7-8 grammi di droghe pesanti (cocaina ed eroina) di cui ha bisogno tutti i giorni.

Rubare non basta più, così Pietro inizia anche a spacciare. Iniziano anche le prima esperienze in galera: viene arrestato per spaccio più di una volta. Viene anche messo due volte in una comunità per il recupero dei tossicodipendenti, ma appena uscito dal carcere o dalla comunità riprende le sue attività, senza sforzarsi di trovare una via d’uscita.

Gli anni passano, tra droga, furti, spaccio, galera e dolore, tanto dolore. Sono anni lunghi, interminabili; ben 25 anni: lui stesso, a pensarci non si capacita di come sia stato possibile vivere così tremendamente per tanto tempo.

Dopo 25 anni, Pietro è un uomo distrutto, non ha più nulla, è completamente inaffidabile: le persone lo evitano, lo ignorano, sanno che avvicinarsi a lui vorrebbe solo dire dargli la possibilità di essere derubati.

Solo la sua famiglia continua ad avere rapporti con lui, ma sono rapporti tesi, difficili.

Il fratello di Pietro fa un’esperienza particolare e Pietro si accorge di un cambiamento nella sua vita. Pensa: «Com’è possibile che sono senza lavoro, lui e sua moglie, eppure sono così sereni? Cosa è successo? Ah, sì, sarà la chiesa che frequentano, quella chiesa evangelica di cui parlano sempre, a dargli dei soldi». Celestino da un po’ di tempo aveva intrapreso un cammino con Cristo e cercava di spiegare a suo fratello che anche lui avrebbe potuto farlo e che avrebbe potuto vedere la sua vita trasformarsi.

Pietro non crede affatto a quello che gli dice suo fratello: pensa che siano solo favolette senza importanza e agli inviti di Celestino risponde «Guarda che io sto bene così come sono, mica ho bisogno di quelle cose lì, mica ho bisogno di Dio…», ma dentro di sé sa che non è vero che sta bene.

Un giorno Pietro si sente particolarmente a terra. Non capisce bene perché, non si sa dare spiegazione.
Mentre è in macchina con Giuseppe il suo “compagno di spada”, un tossicodipendente con il quale divide le giornate alla ricerca della droga e i “buchi”, sente che qualcosa gli si smuove dentro; si rivolge a Giuseppe e gli dice: «Da domani non cercarmi più». L’amico si chiede se Pietro sa impazzito, ma capisce la fermezza della sua decisione e decide di assecondalo.

Rientrando a casa Pietro è preso da mille dubbi, non capisce perché ha parlato così con Giuseppe, si chiede cosa gli stia succedendo, non riesce a capire ma sente forte dentro di sé il desiderio di cambiare. Non sa a chi rivolgersi, dove trovare la forza per cercare di cambiare, così ripensa alla comunità. Decide di andarci.

A casa comunica ai genitori la sua decisione, ma il padre, stremato da tanti anni di sofferenza, gli dice «Fai quello che vuoi, sappi solo che io stavolta non ci sono. Basta, sbrigatela tu».

Erano passati un paio di giorni da quando aveva detto a Giuseppe di non cercarlo più e in quel periodo non aveva fatto uso di droga, né di metadone. Stava male, ma dentro di sé aveva deciso di non drogarsi e di rientrare in comunità. Pietro decide di andare dal fratello, per dirgli della sua decisione. Sperava di trovarlo da solo, ma in casa c’era anche sua cognata, sdraiata sul letto alle prese con l’influenza.

La trova con la Bibbia in mano e subito pensa «Ecco, sempre con quel libro in mano…». Celestino e sua moglie lo accolgono volentieri e gli chiedono il motivo della sua visita. Pietro comunica il desiderio di tornare in comunità e la sua decisione viene approvata e appoggiata. Celestino intanto invita ancora una volta il fratello nella sua comunità evangelica: «Vieni, tra due settimane ci sono i battesimi in acqua». Pietro non sa cosa siano, non si è mai interessato della chiesa, neanche di quella cattolica, in cui da bambino frequentava l’oratorio, figurarsi di quella evangelica; risponde «Scusa, ma il battesimo che hai fatto da bambino cos’era? Un provino?».

Celestino rinnova il suo invito e gli regala un libro dal titolo “Ehi, Dio!”. Ma Pietro non ha mai letto nulla in vita sua, nemmeno un fumetto! Nonostante le grosse difficoltà, Pietro, per dirla alla sua maniera, divora il libro e sente dentro di sé che gli sta succedendo qualcosa…

Arriva il giorno dei battesimi e per Pietro è un giorno davvero speciale: quella domenica 19 febbraio 2004, in una piccola chiesetta evangelica, il tossicodipendente, l’inaffidabile, il ladro e l’imbroglione che era Pietro non esiste più…

«Ho sentito qualcosa di speciale nel mio cuore, una luce e una pace, una tranquillità e una serenità che non so spiegare a parole…».
Da allora la sua vita è completamente cambiata: è nato un nuovo Pietro! Dio ha tolto il bisogno di drogarsi, ha riempito il vuoto colmandolo di amore e di senso della vita.
Affamato non più di droga ma di Dio, il nostro amico comincia a leggere la Bibbia, pur con difficoltà, e il suo cambiamento diventa sempre più importante e visibile agli occhi di tutti.

Le prove e le difficoltà ci sono ancora, ma la droga è solo un (brutto) ricordo, da cui Pietro è uscito senza bisogno di “scalare il metadone” e senza ricadute. Chi lo conosceva prima e lo vede ora, trasformato tanto nell’intimo quanto nell’aspetto esteriore, dice che lui è un vero “miracolo vivente”.

Chi vive in prima persona l’esperienza della droga e chi la subisce come parente o amico, sa fino a che punto ci si distrugge in queste situazioni, conosce la profonda sofferenza e la sensazione di disperazione, così come l’hanno conosciuta Pietro e i suoi familiari.

Pietro ne è uscito, è una persona nuova: la droga non è più la padrona della sua vita, ora vive lasciandosi cullare, proteggere e guidare da Dio.

Orgoglioso e onorato di aver incontrato Dio e averlo accettato nella sua vita, Pietro ha solo un rammarico: «L’avessi conosciuto prima!».

E tu, hai problemi con la droga? Sei vicino a chi sta distruggendo la propria vita così?
La storia di Pietro, e non è l’unica, dimostra che Dio può cambiare la tua esistenza in un momento… basta accettarlo con sincerità nella propria vita! Non ci credi? PROVALO!

pietro_luca_2

Nella foto Pietro è alle prese con Luca… Il melone cosa c’entra? Per saperlo ascolta la storia di Pietro tramite il PODCAST al termine della messa in onda…

HOME