“Luca era gay”: Luca, che ha vissuto una storia simile a quella del protagonista del brano di Povia, si racconta

banner_home

Durante l’ultima edizione di Sanremo, il brano di Povia aveva catturato l’attenzione per il contenuto del suo testo, scatenando anche qualche polemica.

Il “protagonista” della canzone, Luca, che ha vissuto una storia simile a quella raccontata da Povia, è stato ospite di Patrizia Scarpino nella sua trasmissione radiofonica “Occhi aperti”, andata in onda lo scorso lunedì.

Ha raccontato la sua storia, le difficoltà dell’infanzia e dell’adolescenza, il vissuto di  figlio di genitori separati, la sofferenza e le prime esperienze con gli uomini, ma anche i dubbi, le paure e, finalmente, il cambiamento avvenuto grazie all’incontro con Cristo e la nuova vita di Luca.

Ascolta la sua storia, raccontata da lui, cliccando qui: http://www.chiesadesio.it/podcast/audio/20090727-occhiaperti.mp3 (la storia inizia subito dopo le news…)

Buon ascolto con i programmi di www.crc.fm!

Annunci

Raduno 2009: le foto

Il secondo raduno di Dueperuno-evangelici.net si è concluso. Sono stati due giorni intensi, divertenti e pieni di espressione di fratellanza e convivialità, che ci hanno rinfrancato degli sforzi e della fatica per organizzarlo al meglio.

Innanzitutto vogliamo ringraziare Dio perché ha voluto e permesso questo incontro e per ringraziarlo e onorarlo abbiamo voluto che Lui fosse il nostro ospite d’onore e il centro stesso di questo incontro.

Vogliamo anche ringraziare tutte le persone che ci hanno onorato con la loro presenza, perché se l’incontro è stato così speciale è per loro.

È stato davvero bello abbracciare chi ancora non si conosceva di persona, ma solo virtualmente.

Emilia, Lombardia, Piemonte e Sicilia e, almeno per l’ origine, anche la Germania, sono le  zone di provenienza dei partecipanti: le distanze diventano nulla quando c’è il piacere di stare insieme!

Regioni diverse, denominazioni evangeliche diverse, età differenti, diverse esperienze di vita e realtà evangeliche eterogenee, ma con un solo denominatore comune: Cristo. Per questo il meeting è stato così speciale! Continua a leggere

Dueperuno-Evangelici.net: secondo meeting

banner_home

Ladies and gentleman è con somma gioia che vi annuncio il secondo raduno di dueperuno-evangelici.net!

evangelicipuntonet_dueperuno_logo_2

Quando: sabato 9 e domenica 10 maggio 2009

Dove: a Torre Pellice (TO), presso la Foresteria valdese

Chi è invitato: tutti gli utenti di evangelici.net e tutti gli ospiti delle tre edizioni della trasmissione radiofonica Dueperuno, più i loro amici e familiari!

Perché: per condividere ore di lieta comunione fraterna, conoscere nuove persone, rivedere vecchi amici vicini e lontani, manifestare quell’unità cristiana che contraddistingue Dueperuno ed evangelici.net  

Che si farà: il programma, in fase di allestimento, prevede momenti di condivisione e interazione in allegria e intermezzi musicali; la domenica mattina si terrà il culto; il pranzo domenicale sarà a base di specialità della Valle.

Quanto costa: per la pensione completa (cena di sabato, pernottamento, colazione, pranzo domenicale tipico) il costo non supererà i 50 euro; per la sola giornata di domenica, pranzo tipico incluso, il costo non supererà i 20 euro, per il solo sabato, cena inclusa, 15 euro. Sono previste riduzioni per i bambini ed eventuali ribassi per tutti.

Entro quando iscriversi: sia per la pensione completa che per la partecipazione parziale è necessario iscriversi quanto prima. Vi indicherò la data precisa appena possibile. Per il pernottamento è previsto il versamento di una caparra di 30 euro (non rimborsabili in caso di disdetta).

Ecco, quanto è buono e quanto è piacevole che i fratelli dimorino insieme!
Salmo 133

Partecipate numerosi!

banner_animato_dueperunotriplo

«Sono troppo giovane per pensare a Dio, meglio il calcio!» – Storia di Calogero Gravano

banner_home

Oggi raccontiamo la storia di Calogero! Ascoltala su CRC alle 11.

calogero_luca_sandra

Dopo aver superato la prova di idoneità, il provetto cuoco-drammatico nonché ottimo ricettaro-giornalista Calogero ci racconta la sua storia…

La famiglia di Calogero, dopo aver chiuso una pizzeria, si trasferisce dalla Sicilia a Torino per trovare lavoro e cercare di risolvere seri problemi economici; Calogero è solo un bambino, ma spesso vede i suoi genitori tristi a causa delle difficoltà in cui si trovano.

Qualche tempo dopo l’arrivo nel capoluogo piemontese i suoi vivono un’esperienza speciale con Dio: la loro vita cambia e nonostante abbiano ancora diverse difficoltà le affrontano con uno spirito diverso.

A quel tempo Calogero ha 5 anni e anche se non percepisce granché del cambiamento avvenuto in sua madre e suo padre, sente che sono più contenti, sereni.

Il nostro ospite ci racconta che durante l’infanzia e l’adolescenza andava nella chiesa evangelica con i suoi; gli piaceva ascoltare, ma non sentiva dentro di lui la stessa gioia che provavano i genitori. Ha continuato a frequentare la chiesa fino a 19 anni, ma senza esserne troppo coinvolto, perché crede di essere troppo giovane per pensare a Dio e a quello che lo riguarda.

Il vero interesse di Calogero è un altro: il calcio. La sua è una vera e propria passione, che lo porta a giocare in una squadra e qui iniziano i primi conflitti, perché i genitori vorrebbero che continuasse ad andare al culto della domenica con loro, mentre lui preferisce impegnarsi nelle partite. Quel lieve interesse che aveva per Dio piano piano si assopisce.

Nonostante si dedichi a ciò che più gli piace, Calogero un giorno comincia a sentirsi non proprio soddisfatto di quello che fa e percepisce un senso di vuoto, che nemmeno la sua passione per il calcio riesce a riempire. Prende a interrogarsi sul senso della sua vita e prova il desiderio di sentire quello che vivono i suoi genitori nella loro vita; decide anche di partecipare a un raduno evangelico per giovani.

Prima di partire si rivolge a Dio dicendogli, in senso di sfida, «Se veramente tu esisti fa che anche io possa sentirti così come ti sentono i miei, come ti sentono le persone che incontro in chiesa; voglio sperimentarti nella mia vita». Lanciata la sfida, parte per il raduno e la sera stessa del suo arrivo Calogero sente forte il richiamo di Dio, quasi gli stesse dicendo «Vedi che esisto?».

È bastato chiedere a Dio di mostrarsi per ottenere una risposta e, finalmente, capire cosa provano i suoi genitori e sentire le stesse sensazioni: quel senso di vuoto è sparito, il vuoto è colmato da Dio, così come asseriva lo scienziato Blaise Pascal.

La vita di Calogero cambia profondamente. «È molto difficile spiegare cosa si prova quando ci si relaziona con Dio, cosa scatta dentro, cosa succede… Ci si sente liberi!».

E dopo l’incontro con Gesù la vita è tutta rose è fiori? E no! Le difficoltà ci sono, anche a causa di quello che viene definito il “nemico della nostra anima”, il diavolo, che vuole far inciampare le persone, ferirle, tenerle lontane da Dio…

Però vivere con Dio a fianco è tutta un’altra cosa: non si è mai soli, non si è mai disperati!

Certo, non è facile spiegare cosa vuol dire vivere con Dio… In effetti non è facile nemmeno spiegare un’arancia e il suo sapore a chi non l’ha mai vista o assaggiata: si può descriverne l’aspetto, il profumo, la consistenza e il sapore, ma se non la si tocca e la si assaggia non si può capirlo davvero.

Con Dio è la stessa cosa: devi “assaggiarlo” per capire…

calogero_luca

Scarica sul tuo pc la puntata dopo la diretta, clicca QUI!

HOME

«Quando l’amore si spegne…» – Storia di Dario Santoro

banner_home

L’ospite di oggi è Dario! Ascolta per intero la sua storia su CRC

sandra_dario_marzia

Dario racconta una storia un po’ particolare…

Nasce in una famiglia evangelica; da ragazzino vive una bella e toccante esperienza durante un campeggio estivo: lì conosce Dio e, pur giovanissimo, inizia una relazione con lui…

È molto preso da questa relazione con Dio, quotidiana, personale e molto importante.

A diciannove anni Dario parte per il militare e si trova a vivere in un mondo molto diverso da quello in cui aveva vissuto fino ad allora e ad avere una libertà decisionale come non aveva mai avuto.

Purtroppo non riesce a gestire al meglio la sua libertà e il suo comportamento, i pensieri e i desideri cominciano a prendere una piega ben differente, e man mano il suo grande amore per Dio comincia ad affievolirsi.

La vita in caserma piace al nostro amico, che decide di fare carriera all’interno dell’Esercito. Viene trasferito di caserma e da lì a poco si accorge di aver fatto una scelta sbagliata; soprattutto gli spiace aver preso una decisione così importante senza chiedere consiglio a Dio, così come aveva sempre fatto dal giorno di quell’incontro particolare al campeggio…

La sua infedeltà, il suo non aver considerato la volontà di Dio, rende la vita di Dario difficile negli anni successivi, perché da una parte vorrebbe continuare a vivere come desidera, nonostante la scelta fatta, dall’altra vorrebbe tornare a essere il ragazzo di prima, quello che aveva una bella relazione con Dio, che gli dava ampio spazio e ascoltava i suoi consigli.

Quando è in famiglia, Dario indossa la maschera del bravo ragazzo credente, gentile, assennato e fedele, ma appena è lontano si comporta molto diversamente.

Questa dicotomia lo fa soffrire e per due anni, ogni giorno, Dario scrive nel suo diario “Domani cambio, domani smetto”, ma non riusciva a smettere di vivere in quel modo ipocrita davanti a Dio, alla sua famiglia, alla chiesa.

Un giorno Dario dice davvero basta e cerca nuovamente Dio, ma con un senso di sfida, perché desidera un rapporto nuovo, più maturo e consapevole, una “prova” personale della sua esistenza e non qualcosa di riportato da altri. Così si rivolge a Dio: «Signore, io inizierò a leggere la Bibbia, ma se prima che io mi addormenti non sentirò un tuo chiaro messaggio allora ti abbandonerò per sempre…».

Ecco che Dio spinge Dario a leggere Efesini 4:17 “…non comportatevi più come si comportano i pagani nella vanità dei loro pensieri”; a quel punto i dubbi di Dario svaniscono e una pace sorprendente riempie il suo cuore…

Dario non era stato fedele a Dio e al suo grande amore, ma Dio sì: “Se siamo infedeli, Egli rimane fedele, perché non può rinnegare se stesso”(II Timoteo 2:13). L’amore di Dario che si era affievolito anni prima si è riacceso ed è più forte che mai; Dio non aspettava altro che il suo ritorno.

Dio è così: aspetta sempre, molto pazientemente, che noi afferriamo la sua mano tesa e se ci allontaniamo ci aspetta, anche se passa molto tempo. E il suo amore per noi non cessa mai… Non ci credi? Provalo!

Puoi sentire la storia di Dario quando vuoi! Ascoltala in podcast QUI

HOME

«Aiuto! Sono un’eretica!» – Storia di Silvia Mulas

banner_home

Ecco a voi la seconda puntata! L’ospite è Silvia, una sarda trapiantata in “continente” 🙂

silvia_marzia_sandra_21

Silvia si definisce una “noiosa brava ragazza“: andava bene a scuola, frequentava la chiesa cattolica, non dava problemi in casa…

La “brava ragazza di estrazione cattolica”, però, comincia a farsi un po’ di domande sulla vita e sulla sua religione: “Chi è santo e chi non lo è? Chi lo decide? Chi stabilisce chi va in paradiso e chi no?“.

Per Silvia Dio esiste, ma lei lo vede come un Essere severo, pronto a punire al primo sbaglio. Le sembra strano avere una relazione con questo Dio un po’ padre-padrone e soprattutto pensa sia davvero riduttivo considerarlo solo un’oretta alla settimana, giusto il tempo della messa.

Silvia prova a porre a sua madre le domande che le frullano in testa, ma si sente dare dell’eretica!

Tempo dopo, durante un viaggio da parenti che vivono in Australia, conosce un ragazzo di fede protestante battista: Silvia comincia a fargli molte domande, esprimendo apertamente i suoi dubbi. Il ragazzo, dopo averla ascoltata le dice :”Strano, se tu ti fai tutte queste domande e hai tutti questi dubbi, vuol dire che sei protestante: non sei cattolica!”. Per Silvia è uno shock. “Chi, io? Ma sta a vedere che mia madre aveva ragione! Sono proprio un’eretica! Protestante? Ma no… poi loro non hanno nemmeno la madonna e i santi!” Lei non vuole essere protestante: le sembra di tradire Dio.

Tornata in Italia, va a parlare con il suo parroco, il quale le dice che la scelta non è se essere protestante o meno, ma decidere se stare con Dio o senza Dio. Così Silvia decide di mettersi alla ricerca del vero significato dell’essere cristiano: partecipa a corsi, seminari e incontri.

All’Università conosce i Gruppi biblici universitari e con loro inizia a leggere la Bibbia. Una studentessa le regala il libro Le basi del cristianesimo.

Silvia capisce che essere cristiani vuol dire “dare la propria vita a Gesù, mettendo tutto nelle sue mani”, ma le sembra qualcosa di molto irrazionale. Decide comunque di provare, nonostante la sua razionalità la freni…

Decisa a fare questa esperienza, Silvia accetta di fare questo incontro con Cristo e… la sua vita cambia!

“Conoscere Dio è un’esperienza incredibile… Vivere con Gesù è un’avventura, altro che noia!

Vuoi sentire la storia di Silvia dal tuo pc? Ascoltala in podcast QUI

HOME

«Mamma, cosa ti è successo?» – Storia di Scott Deaver

banner_home

La terza edizione di Dueperuno inizia con un ospite che arriva dagli USA. È con noi: Scott!

scott_sandra_marzia

Scott, nella foto con Marzia e Sandra, è nato nello Iowa (USA).

La sua era una famiglia di credenti, ma non avevano un vero rapporto con Gesù. Scott da giovanissimo era uno studente brillante, ma anche un po’ arrogante; crescendo ha cominciato a essere vittima dei bulli della scuola e, quando era adolescente, si è ritrovato a pensare al suicidio: non vedeva via d’uscita dalla situazione in cui viveva, era disperato.

Un giorno decide di parlarne con sua madre, che spesso era triste e un po’ depressa. La mamma prende sul serio le sue parole e si preoccupa moltissimo. Consola il figlio e lo invita a leggere Il nascondiglio di Corrie ten Boom. La storia di Corrie, cristiana che rischia la vita e finisce in un lager per aver aiutato degli ebrei durante gli orrori nazisti, fa pensare a desiderare a Scott di avere anche lui l’amore che Dio ha dimostrato alla giovane ragazza olandese.

Di lì a poco qualcosa cambia nella vita della mamma di Scott: prima era triste e abbattuta e ora Scott la sentiva cantare felice e leggere la Bibbia. Questo lo ha incuriosito e, pensando che quello che aveva reso più serena sua madre poteva aiutare anche lui, domanda alla mamma di spiegargli cosa è successo.

La donna, per la prima volta, parla a Scott di Gesù, di come Lui lo ama e di come si può trovare la serenità avendolo vicino. Per il nostro amico americano Gesù era una figura lontana, una sorta di supereroe irraggiungibile e sentirne parlare in un modo così diverso lo incuriosì.

Così decide di provare a far entrare nella sua giovane vita quel Gesù che sembra pronto ad accogliere l’invito. Da quel giorno, dopo l’incontro  con Cristo, anche la vita di Scott cambia e incomincia la sua vera vita, fatta di tante esperienze importanti, di incontri e di viaggi per il mondo.

Il viaggio in Kenya mette in pericolo la sua vita, infatti si ammala di malaria. Dopo tre giorni di forti sofferenze dovute alla malattia si rivolge a Dio chiedendogli di guarirlo. Dio lo fa, facendolo riflettere, però, sulle motivazioni dell’amore di Scott per Lui: mi ami perché ti guarisco o perché sono Dio?

Scott capisce che ama Dio per quello che è, non per quello che fa… e da allora cammina sempre al suo fianco.

Vuoi ascoltare la storia di Scott? Clicca QUI e buon ascolto!

HOME