«Islamica, cattolica, ortodossa o protestante: non è la religione che salva!» – Storia di Anisa Cela

crc Clicca sul banner di crc per sentire dalla sua voce la storia di Anisa!

Mi chiamo Anisa.  Sono nata in Albania nel 1982, quando c’era ancora la dittatura. Sono cresciuta in un paese ateo fino all’età di 7 anni.

Negli anni novanta, in Albania è caduta la dittatura e allora si inizia a parlare del Signore liberamente. Ricordo che mia mamma mi parlava di un Dio, raccontandomi quello che lei sapeva e quello che il mio nonno mussulmano le aveva raccontato. Scopro cosi che mia mamma credeva e aveva sempre creduto in un Dio che io prima non conoscevo.

In Albania esistono tre religioni: quella mussulmana, quella cattolica, e quella cristiana ortodossa.  Di tradizione, io ero mussulmana.   Continua a leggere

«Pensavo di non contare per nessuno…» – Storia di Mimmo Albanese

banner_home

Cari lettori e webascoltatori, oggi vi proponiamo la storia di Mimmo Albanese! Ascoltala in diretta alle 11 su crc

Mimmo_Albanese

Mimmo nasce in Calabria, in una famiglia di tradizione cattolica, ma non praticante; quando è ancora un ragazzino, in casa sua si vive una situazione difficile, infatti i suoi genitori sono in piena crisi matrimoniale e in procinto di separarsi.

Ci piace chiedere ai nostri ospiti se da bambini hanno mai sentito parlare di Gesù o di Dio, se hanno ricevuto insegnamenti biblici oppure no: lo facciamo per capire il contesto in cui sono cresciuti. Molte persone credono che la fede si erediti, cioè si è cristiani perché la famiglia d’origine lo è, ma noi crediamo che non sia così e spesso figli di persone che non si interessano a Dio diventano credenti, mentre figli di credenti sono disinteressati all’incontro con Cristo.

Nel caso di Mimmo, i suoi genitori lo hanno battezzato e gli hanno fatto fare la prima comunione, ma non essendo per nulla praticanti non parlano mai di Dio con il figlio. Per lui quella di Cristo è una storia come un’altra.

E ora torniamo alla storia di Mimmo e vediamo un po’ cosa succederà… Continua a leggere

«Basta con la sofferenza! Non voglio più affezionarmi a nessuno» – Storia di Mimma Giannitti

banner_home

Oggi è con noi Mimma, che ci racconterà la sua storia… Ascoltala attraverso il podcast di  CRC

mimma_dueperuno

Domenica, detta Mimma, cresce in una famiglia di credenti che frequenta la chiesa evangelica. Anche lei la frequenta, anche se non si definisce una vera e propria credente, anzi si definisce una “nipote” di Dio. Per lei Gesù è vero e reale e lei lo sente molto vicino.

Crescendo si rende conto che desidera un rapporto più serio con Dio, ma una brutta situazione frena il suo cammino; infatti, la morte di suo nonno, al quale era molto attaccata, la ferisce profondamente e da quel momento la ragazza decide di chiudere completamente la porta del suo cuore e si chiude a riccio.

Mimma continua la sua vita apparentemente come prima, ma non vuole più affezionarsi a nessuno, per timore di perdere le persone a cui tiene. Diventa scontrosa e non accetta che le si parli; ha gran timore di legarsi a qualcuno, ma cerca comunque di mascherare il suo vero stato d’animo.

In questo periodo la ragazza inizia a frequentare le scuole superiori dalle suore, una scuola sulla comunicazione, con l’opzione di arte, spettacolo e cinema;  dopo i primi due anni trascorsi tranquillamente, il terzo anno diventa difficile per Mimma: viene diagnosticato un brutto male a sua nonna e questo la getta in un dolore ancora più profondo: «Mi è già morto mio nonno! Ho già sofferto abbastanza…».

La nostra amica inizia a seguire sua nonna durante le terapie a cui deve sottoporsi e anche per questo motivo si ritrova a dover recuperare alcune materie insufficienti; purtroppo non ci riesce e la delusione della bocciatura si aggiunge alla serie di avvenimenti negativi che l’hanno colpita. Quest’ultimo episodio manda in crisi Mimma, che teneva tantissimo alla scuola che frequentava.

Piano piano in Mimma si fa strada un bisogno forte e perentorio:  quello di avere Dio al suo fianco, per camminare con lui.

L’anno successivo decide di frequentare un campo evangelico per giovani e una sera rimane colpita dalle parole del responsabile del campo, che invitava i presenti a lasciare a Cristo tutti i propri pesi, la tristezza, le paure… Mimma accetta quell’invito e una gran pace riempie il suo cuore e la libera da quel senso di dolore e tristezza che si portava dietro da alcuni anni.

Da quel giorno Mimma non è più una “nipote di Dio”, ma una vera figlia! Mimma ci dice: «La vita non è sempre facile, ma ora non sono sola e vivere con Dio è tutta un’altra cosa!».

Un po’ di tempo dopo un’altra brutta notizia colpisce la ragazza: anche a sua mamma viene diagnosticato un brutto male. La notizia è tremenda, ma questa volta Mimma è ben corazzata dall’amore di Cristo e affronta in maniera totalmente diversa la situazione, consapevole di non essere sola e di poter fare affidamento sulla pace e sul sostegno che solo Dio può dare…

Mimma continua a camminare con Gesù e affronta le difficoltà, che toccano anche i veri figli di Dio, con uno spirito nuovo… del resto lo dice Cristo stesso: «Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo.  Prendete su di voi il mio giogo e imparate da me, perché io sono mansueto e umile di cuore;  e voi troverete riposo alle anime vostre;  poiché il mio giogo è dolce e il mio carico è leggero».

E tu, cosa aspetti a mettere alla prova Dio per vedere se mantiene le sue promesse?

Dio è l’unico che ti sostiene nelle difficoltà! Non ci credi? Provalo!

Scarica sul tuo pc la puntata dopo la diretta, clicca QUI!

HOME

«Voglio realizzare i miei sogni!» – Storia di Davide Quinto

banner_home

Oggi potete ascoltare e leggere la storia di Davide! In onda alle 11 su CRC

La vita di Davide scorre serena fino all’età di quindici anni, quando rimane orfano di entrambi i genitori, malati da tempo, nel giro pochi di mesi.

La sua famiglia, che era molto unita, dopo la perdita dei genitori si unisce ancora di più; per il ragazzo è un periodo davvero duro da superare: suo fratello e sua sorella, di diversi anni più grandi di lui, lo sostengono e lo accudiscono.

Il tempo passa e  Davide vive tristemente: sente forte la mancanza di quelli che considerava i due capisaldi della sua vita e si sente in balia delle onde; a ogni difficoltà si sente sull’orlo di un baratro, nonostante l’affetto dei suoi fratelli, che però lui non percepisce possano aiutarlo davvero.

Frequentando l’oratorio, il ragazzo stringe amicizia con un prete che gli dice che i passi che dovrà fare per avere una vita più stabile sono quelli di trovarsi un lavoro, cercarsi una fidanzata, fare il militare e di sposarsi, per ricreare quella famiglia che gli è venuta a mancare.

Davide prende sul serio queste parole e nel giro di pochi anni realizza tre dei quattro passi indicati dal prete, gli manca solo di sposarsi. A ventiquattro anni è a un passo dal matrimonio.

Ormai vicino alla realizzazione dei suoi sogni, incontra una donna e perde la testa per lei: fino a quel momento era stato un ragazzo posato e non aveva mai fatto colpi di testa. I progetti di Davide, creati con fatica e impegno vanno in fumo.

A quattro mesi dal matrimonio lascia la sua ragazza e allontana tutti da sé, addirittura per alcune settimane sparisce lasciando in pensiero i suoi fratelli, perché consapevole del fatto che amici e parenti non condividevano questa scelta preferiva evitare di vederli e sentirli.

Questa storia, però, si rivela un fuoco di paglia e in poco tempo Davide si ritrova senza nulla, a parte il lavoro.

A quel punto il ragazzo, che fino a prima del colpo di testa era stato tranquillo e posato, decide di cambiare vita e di divertirsi come non aveva mai fatto prima, cercando la felicità e l’euforia nelle uscite, nel mangiare, nel bere, nelle discoteche.

Ma non trova quello che cerca quando rientra a casa si ritrova comunque da solo, senza veri affetti, visto il vuoto che aveva creato intorno a sé, un vuoto che lo porta anche a pensare di farla finita.

Un giorno decide di accettare l’invito di suo fratello ad andare con lui nella comunità evangelica che frequenta da qualche tempo.

Davide, durante gli incontri in chiesa, si rivolge a Dio dicendogli di lasciarlo in pace, perché lui è un bravo ragazzo e non ha bisogno di Cristo: lo sfida a disinteressarsi a lui. Dio accoglie la sfida e lo lascia libero.

Una sera come tante altre, il ragazzo esce con gli amici: il solito divertimento, la discoteca e, in quell’occasione, qualche bicchiere più del dovuto; la serata però non finisce come desiderato: Davide si sente male e scoppia a piangere; ammette a se stesso di avere bisogno di Dio, di volere la sua pace e la sua presenza nella sua vita.

Dio è lì, pronto ad accettare l’arresa del giovane… non aspettava altro!                                                                                                                                                    La vita di Davide cambia, per davvero. Il vuoto che sentiva nel suo cuore non c’è più, non si sente più sull’orlo del baratro…

Pieno di gioia condivide con le persone che frequentava prima dell’incontro con Dio la sua storia, il suo cambiamento, ma gli amici lo prendono per matto o fanatico, ma lui è veramente felice della sua nuova condizione.

Tempo dopo, Davide conosce Marcella, la donna che diventa sua moglie e con la quale diventa papà di Matteo e Claudia.

I suoi sogni alla fine si sono realizzati tutti, ma in più ha anche ottenuto quella pace e quella serenità che solo Dio è in grado di dare

Forse anche tu stai sognando il tuo futuro, oppure hai visto i tuoi sogni infrangersi: fai come Davide, lascia che il Signore trasformi la tua vita!

Dio può aiutarti ad affrontare ogni problema! Non ci credi? Provalo!

Scarica sul tuo pc la puntata dopo la diretta, clicca QUI!

HOME

«Aiuto! Sono un’eretica!» – Storia di Silvia Mulas

banner_home

Ecco a voi la seconda puntata! L’ospite è Silvia, una sarda trapiantata in “continente” 🙂

silvia_marzia_sandra_21

Silvia si definisce una “noiosa brava ragazza“: andava bene a scuola, frequentava la chiesa cattolica, non dava problemi in casa…

La “brava ragazza di estrazione cattolica”, però, comincia a farsi un po’ di domande sulla vita e sulla sua religione: “Chi è santo e chi non lo è? Chi lo decide? Chi stabilisce chi va in paradiso e chi no?“.

Per Silvia Dio esiste, ma lei lo vede come un Essere severo, pronto a punire al primo sbaglio. Le sembra strano avere una relazione con questo Dio un po’ padre-padrone e soprattutto pensa sia davvero riduttivo considerarlo solo un’oretta alla settimana, giusto il tempo della messa.

Silvia prova a porre a sua madre le domande che le frullano in testa, ma si sente dare dell’eretica!

Tempo dopo, durante un viaggio da parenti che vivono in Australia, conosce un ragazzo di fede protestante battista: Silvia comincia a fargli molte domande, esprimendo apertamente i suoi dubbi. Il ragazzo, dopo averla ascoltata le dice :”Strano, se tu ti fai tutte queste domande e hai tutti questi dubbi, vuol dire che sei protestante: non sei cattolica!”. Per Silvia è uno shock. “Chi, io? Ma sta a vedere che mia madre aveva ragione! Sono proprio un’eretica! Protestante? Ma no… poi loro non hanno nemmeno la madonna e i santi!” Lei non vuole essere protestante: le sembra di tradire Dio.

Tornata in Italia, va a parlare con il suo parroco, il quale le dice che la scelta non è se essere protestante o meno, ma decidere se stare con Dio o senza Dio. Così Silvia decide di mettersi alla ricerca del vero significato dell’essere cristiano: partecipa a corsi, seminari e incontri.

All’Università conosce i Gruppi biblici universitari e con loro inizia a leggere la Bibbia. Una studentessa le regala il libro Le basi del cristianesimo.

Silvia capisce che essere cristiani vuol dire “dare la propria vita a Gesù, mettendo tutto nelle sue mani”, ma le sembra qualcosa di molto irrazionale. Decide comunque di provare, nonostante la sua razionalità la freni…

Decisa a fare questa esperienza, Silvia accetta di fare questo incontro con Cristo e… la sua vita cambia!

“Conoscere Dio è un’esperienza incredibile… Vivere con Gesù è un’avventura, altro che noia!

Vuoi sentire la storia di Silvia dal tuo pc? Ascoltala in podcast QUI

HOME

«Mamma, cosa ti è successo?» – Storia di Scott Deaver

banner_home

La terza edizione di Dueperuno inizia con un ospite che arriva dagli USA. È con noi: Scott!

scott_sandra_marzia

Scott, nella foto con Marzia e Sandra, è nato nello Iowa (USA).

La sua era una famiglia di credenti, ma non avevano un vero rapporto con Gesù. Scott da giovanissimo era uno studente brillante, ma anche un po’ arrogante; crescendo ha cominciato a essere vittima dei bulli della scuola e, quando era adolescente, si è ritrovato a pensare al suicidio: non vedeva via d’uscita dalla situazione in cui viveva, era disperato.

Un giorno decide di parlarne con sua madre, che spesso era triste e un po’ depressa. La mamma prende sul serio le sue parole e si preoccupa moltissimo. Consola il figlio e lo invita a leggere Il nascondiglio di Corrie ten Boom. La storia di Corrie, cristiana che rischia la vita e finisce in un lager per aver aiutato degli ebrei durante gli orrori nazisti, fa pensare a desiderare a Scott di avere anche lui l’amore che Dio ha dimostrato alla giovane ragazza olandese.

Di lì a poco qualcosa cambia nella vita della mamma di Scott: prima era triste e abbattuta e ora Scott la sentiva cantare felice e leggere la Bibbia. Questo lo ha incuriosito e, pensando che quello che aveva reso più serena sua madre poteva aiutare anche lui, domanda alla mamma di spiegargli cosa è successo.

La donna, per la prima volta, parla a Scott di Gesù, di come Lui lo ama e di come si può trovare la serenità avendolo vicino. Per il nostro amico americano Gesù era una figura lontana, una sorta di supereroe irraggiungibile e sentirne parlare in un modo così diverso lo incuriosì.

Così decide di provare a far entrare nella sua giovane vita quel Gesù che sembra pronto ad accogliere l’invito. Da quel giorno, dopo l’incontro  con Cristo, anche la vita di Scott cambia e incomincia la sua vera vita, fatta di tante esperienze importanti, di incontri e di viaggi per il mondo.

Il viaggio in Kenya mette in pericolo la sua vita, infatti si ammala di malaria. Dopo tre giorni di forti sofferenze dovute alla malattia si rivolge a Dio chiedendogli di guarirlo. Dio lo fa, facendolo riflettere, però, sulle motivazioni dell’amore di Scott per Lui: mi ami perché ti guarisco o perché sono Dio?

Scott capisce che ama Dio per quello che è, non per quello che fa… e da allora cammina sempre al suo fianco.

Vuoi ascoltare la storia di Scott? Clicca QUI e buon ascolto!

HOME